Piove sul bagnato (e sull’immondizia)

0
234

Arriva la stagione delle piogge. E le strade di molte parti dell’Avana si trasformano in torrenti d’acqua e di immondizia. Come racconta questo servizio di 14 y medio.

23 giugno 2924 – Molte strade dell’Avana si sono trasformate questo sabato in fiumi a causa delle intense piogge che colpiscono l’ovest di Cuba. L’acqua ha anche trascinato le montagne di spazzatura accumulate negli angoli, il che ha contribuito al collasso dei drenaggi e ad aggravare le inondazioni in comuni come Centro Habana, Cerro, Diez de Octubre, San Miguel del Padrón e Plaza de la Revolución.

I social network hanno cominciato a riempirsi, dopo mezzogiorno, di foto e video che mostrano zone centrali della città allagate. In alcune di esse l’acqua ha superato il metro sopra il livello della strada. Tra le aree più colpite ci sono le zone basse vicino al litorale habanero, i dintorni della Plaza de Cuatro Caminos, l’angolo di Infanta e Manglar e parte del quartiere di Los Sitios.

“Ha cominciato a peggiorare verso l’una del pomeriggio e abbiamo già dovuto salire verso la casa dei vicini degli alti perché la nostra è allagata”, racconta a 14ymedio Yadira, 36 anni, vicino alla via Amenità, nel comune di Cerro. L’edificio dove vive la famiglia soffre frequenti inondazioni con forti piogge ma questa volta “tutto è stato molto veloce e peggio, per la quantità di spazzatura che ci è stata messa dentro”.

L’Avana è da mesi colpita da una profonda crisi nella raccolta dei rifiuti, a causa della mancanza di carburante e del deterioramento dei veicoli di raccolta. I cumuli di sporcizia si accumulano ovunque e, insieme alle piogge degli ultimi giorni, hanno contribuito a tappare fognature e fognature, complicando ulteriormente i danni che le acque stanno provocando nelle strade e negli edifici.

Anche i dintorni di Plaza de la Revolución sono stati inondati e questo pomeriggio erano visibili gruppi di lavoratori che cercavano di ripulire le fogne della zona affondando le mani nell’acqua e estraendo carta, La Comunità europea ha un ruolo importante da svolgere in questo campo.

Nella vicina frazione di La Timba, un quartiere molto povero della capitale cubana, i residenti degli edifici più deboli si sono rifugiati in portali e case in condizioni migliori a causa dell’insistenza degli acquazzoni che si prevedono continueranno a colpire la città per il resto del pomeriggio e della notte di questo sabato.

Anche i dintorni dell’hotel Presidente, in via G di El Vedado, sono allagati, un panorama che si ripete di fronte all’Hotel Cohiba, in Avenida Paseo e vicino al Malecón habanero.

Uno dei maggiori timori degli abitanti della più grande città dell’isola è il possibile peggioramento della situazione sanitaria. Con focolai diarroici associati alle alte temperature e ai blackout che deteriorano gli alimenti che necessitano di refrigerazione, L’Avana è anche minacciata dalla febbre di Oropouche, che si diffonde in diverse province cubane e che la trasmette la zanzara Culex, un insetto che depone le uova in acqua stagnante.

Anche se le autorità sanitarie non hanno confermato la presenza nella città della malattia, questo giornale ha recentemente raccolto diverse testimonianze che confermano la sua espansione nelle baraccopoli dei comuni di Centro Habana e Diez de Octubre.

L’altro timore sono i crolli dovuti al peso che le piogge aggiungono alle deteriorate strutture degli edifici dell’Avana. Questo venerdì, una fonte ufficiale, che ha chiesto l’anonimato, ha spiegato a questo giornale che erano avvenuti 19 crolli parziali in città. Fino ad ora si contano una vittima mortale a El Cerro e diversi feriti, oltre a ingenti danni materiali.

Clicca qui per leggere l’originale, in spagnolo, su 14 y medio

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.