“Inquebrantable”, come ai vecchi tempi?

La terribile carestia di carburante ha di nuovo, trent’anni e passa dopo la dissoluzione dell’Urss, spinto Cuba tra le braccia dell’orso russo. Ma non si tratta di un ritorno ai tempi dell’ “infrangibile ed eterna amicizia”

0
880

Ci fu un tempo, non poi tanto lontano, in cui l’amicizia tra i due paesi (uno dei quali, allora, si chiamava URSS) era, per dettato costituzionale “inquebrantable”, infrangibile ed eterna. Infrangibile, eterna ed anche – soprattutto, per molti aspetti – alimentata da forniture di petrolio che, non solo coprivano le esigenze energetiche di Cuba, ma le consentivano d’essere una esportatrice di energia. Ora a più di trent’anni dalla caduta dell’impero sovietico di cui Cuba era parte, la gravissima carestia carburante che affligge l’isola ha di nuovo spinto il governo cubano tra le grandi braccia della Madre Russia (ora diventata “putiniana”). Corsi e ricorsi della Storia? Un’analisi di BBC News.


Il tassista cubano Jorge Lloro ricorda i legami storici della sua nazione con la Russia ogni volta che si siede al volante della sua Lada blu marino dell’epoca sovietica. La sua auto di fabbricazione russa è uno dei circa 100.000 esemplari importati dall’isola caraibica durante la guerra fredda.

Cuba vive uno dei momenti peggiori della sua crisi economica endemica, accentuata da un’implacabile mancanza di carburante che le ha fatto ricorrere all’aiuto della sua vecchia alleata Russia. Jorge s’arrabatta per mantenere il suo carro in movimento. I ricambi sono rari e costosi. Riempire il serbatoio di carburante è un compito che dura giorni. E le code di auto alle stazioni di servizio si estendevano per diversi isolati.

A un certo punto lo Stato ha dovuto organizzare le code dei conducenti nei gruppi WhatsApp. Un funzionario raccoglie i contatti dei conducenti e dà loro un numero. Quando tocca loro il turno di riempire, li contattano per venire con la loro auto.”Ho il numero 426″, spiega Jorge mentre guida verso una stazione di servizio all’Avana dopo aver ricevuto l’avviso.

Ma quando arriva alla sua posizione non c’è petrolio. Il petroliere non è arrivato. “Non so perché mi hanno chiesto di venire”, si lamenta Jorge.

“Questo sistema è inefficiente e inefficace”, replica Joel Hernandez, altro pilota.

Tutti in fila sono esasperati.

“Non ci è permesso riempire il serbatoio, le persone spesso perdono il loro numero o non vengono informati quando è il loro turno. Mancanza di organizzazione e infrastrutture”. Da settimane, ormai,la crisi del carburante va esasperando i cubani. E non si tratta che dell’ennesima sfida che devono affrontare, dopo l’insicurezza alimentare, l’inflazione e i blackout.

Un’opportunità unica per alcune imprese “post-socialiste” russe

Le difficoltà di Cuba risiedono nei problemi di gestione del suo governo e nell’embargo economico statunitense, ma sono peggiorati con il crollo del turismo durante la pandemia di coronavirus.

Questa è stata un’opportunità unica per alcune aziende russe.

In un recente forum commerciale a L’Avana, Cuba ha firmato una serie di accordi con aziende russe che coprono il turismo, l’agricoltura e l’energia. Tra gli accordi sono stati concessi permessi alle aziende russe per rivitalizzare parti dell’infrastruttura turistica decrepita dell’isola, incluso il decadente resort balneare di Tarará. Sarà inoltre organizzato un progetto congiunto per la riabilitazione di un’azienda produttrice di zucchero obsoleta nella provincia di Sancti Spiritus e per gli investimenti nella produzione di rum e acciaio.

Ma ciò che interessa di più a Jorge e agli altri piloti in coda è l’accordo con cui la Russia fornirà 30.000 barili di greggio al giorno.

Ciò aiuterebbe ad alleviare il consumo domestico a Cuba dopo che il Venezuela ha diminuito le sue esportazioni di petrolio a Cuba da 80.000 barili al giorno nel 2020 a circa 55.000.

Gli accordi sono presentati dai media statali cubani come prova dei lunghi legami che uniscono le due nazioni.

Ma l’economista indipendente Omar Everleny teme che stringere relazioni con Mosca sia solo un espediente a breve termine per Cuba. “Quando si affrontano incendi su più fronti, è interessante che la Russia si presenti in questa situazione instabile, ma il problema è a medio termine”, dice Everleny.Le aziende russe chiederanno che siano pagate per intero e in tempo per fornire i fondi di cui Cuba ha bisogno, aggiunge l’economista.

Non nel nome dell’ “amistad”, ma del profitto

“Non sono aziende sovietiche che forniscono crediti governativi. Sono aziende private che chiederanno profitti per i loro investimenti”.

“Questo comporterà ulteriori sacrifici per le famiglie cubane perché dovremo pagare quei crediti o un altro Putin perdonerà il debito?” , dice, in riferimento alla decisione di Vladimir Putin nel 2014 di perdonare circa 32 miliardi di dollari di debito cubano.

I nuovi legami economici arrivano in un momento complesso.

Dopo l’invasione della Russia in Ucraina nel 2022, Cuba è stata una delle voci di sostegno del Cremlino in America Latina, cosa che Mosca ringrazia…..

Leggi l’intero articolo, in spagnolo, su BBC News

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.