Mesa-Lago: anatomia d’un disastro

0
118

In questa intervista con Carla Gloria Colomé, di El País di Madrid, l’economista Carlo Mesa-Lago, analizza le ragioni della catastrofica crisi nella quale è precipitata Cuba. Una crisi che Mesa-Lago considera la peggiore di sempre, “periodo especial” compreso


Sul punto di compiere 90 anni e pubblicare quello che sembra essere il suo ultimo libro, il rinomato economista cubano Carmelo Mesa-Lago ha promesso a sua moglie Elena e alle sue due figlie che smetterà di scrivere. Quella promessa l’ha fatta prima, ma non ha potuto portarla a termini. ” Ho smesso di scrivere per un mese e ho pensato di impazzire”, dice dal suo appartamento nella città americana di Pittsburgh, luogo di cui ama tutto tranne l’inverno, e dove è professore emerito dell’università con lo stesso nome.

Nel 1961, a 23 anni, lasciò Cuba per la Spagna. Poi si stabilì negli Stati Uniti. Mesa-Lago, amante del cinema e dei viaggi, è membro della National Academy of Social Security degli Stati Uniti, dell’Accademia delle Scienze dell’America Latina, professore in varie università di tutto il mondo e autore di decine di libri. È stato anche testimone di tutti gli ultimi avvenimenti storici, economici e sociali di Cuba dal trionfo della Rivoluzione fino ad oggi.

Domanda. Quale ritiene sia stato il momento peggiore e migliore di Cuba, economicamente parlando?

Risposta. Il momento peggiore è adesso. Ci sono alcune cose in cui la crisi degli anni ’90 è stata peggiore, ma nel complesso questa crisi la supera. E il momento migliore è stato negli anni ’80, in particolare nella prima metà, quando l’Unione Sovietica (URSS) stava sovvenzionando l’economia cubana. Ho calcolato che l’URSS ha dato a Cuba 65 miliardi di dollari tra il 1960 e il 1990. Di questi aiuti, due terzi erano sussidi di prezzo. L’URSS pagava al paese sette volte il prezzo dello zucchero sul mercato mondiale. Il nichel lo pagava al 50% sopra il prezzo del mercato mondiale e gli vendeva petrolio al di sotto del prezzo stabilito. Era un enorme trasferimento di risorse, e quando cadde l’URSS il colpo fu brutale.

Che differenza c’è tra questa crisi e le altre? Perché dice che stiamo peggio?

Sono diverse le ragioni per cui dico che questa crisi è peggiore: la prima è che la crisi degli anni ’90 è preceduta da un periodo che è il migliore. Cuba era ad un livello molto superiore a quello che precede questa crisi. Ho fatto un calcolo della media di crescita o decrescita di Cuba tra il 2019 e il 2023, usando le cifre del Governo, e come media annuale è scesa di quasi il 2%.

La seconda ragione è legata a quello che chiamiamo il tasso lordo di accumulo del capitale. Nel 1989 il tasso è sceso del 25 per cento e l’ultimo anno di cui disponiamo è stato del 16 per cento. Anche l’indice della produzione industriale è importante. Il calo nel 2022 è stato del 54%, quindi la produzione industriale nel 2022 è meno della metà di quella del 1989. Per quanto riguarda l’agricoltura, ho calcolato che tra il 2016 e il 2022 c’è stato un calo annuo della produzione agricola del 7,3%. Non è andata così negli anni ’90.

E credo che la cosa peggiore sia l’inflazione, non ha paragoni. Se guardi tutti gli anni di quella crisi, i peggiori sono stati il 1992 e il 1993. Ora, secondo le cifre del governo, stiamo parlando di quasi il 1000% nel 2022. Tutte le stime fatte da economisti stranieri collocano l’inflazione a tre cifre, 700%, 500%, quindi è la peggiore inflazione mai registrata. Fuori dal Venezuela, la peggiore inflazione in America Latina è quella di Cuba, ed è tra le più alte del mondo.

Domanda. Sono nato negli anni ’90. Non ho mai vissuto in un paese senza crisi. Tutto ciò che mi è toccato è questo che vediamo. Esiste un periodo dopo la caduta dell’URSS in cui Cuba sia stata bene?

No, non è stato bello, ma è stato meglio. A partire dall’inizio del XXI secolo, [Hugo] Chávez inizia a fornire petrolio a Cuba, termina la raffineria di Cienfuegos, manda a Cuba petrolio greggio per raffinarlo, una parte di questo petrolio viene restituita al Venezuela, ma lascia al Paese un altro posto da vendere sul mercato mondiale. È la stessa cosa che ha fatto l’URSS. C’è un investimento enorme da parte del Venezuela, in tutta una serie di progetti, e c’è anche un sussidio nascosto, perché è uno scambio di petrolio per i medici. Il salario di un medico cubano è sette volte quello di un venezuelano. Nel caso del l’URSS, il sussidio era basato sul prezzo delle importazioni. Qui il sussidio viene perché si sopravvaluta il valore dei professionisti della salute che Cuba invia. Questo ha aiutato, ma non ha mai recuperato i livelli economici che il paese aveva prima. All’inizio del 2006 e del 2007, Cuba aveva un tasso di crescita piuttosto alto. Poi, tra il 2009 e il 2013, c’è stato un crollo e l’economia si è fermata. È dal 2019 che torna il calo fino ad oggi.

Qual è stato il punto di svolta nel 2019?

R. Il governo di Cuba lo attribuisce all’embargo. Trump prende il potere nel 2016, e Cuba dice: bene, questo è dovuto a Trump. L’estrema destra dice che è dovuto al comunismo, e credo che questa sia una risposta molto semplificata. C’è una combinazione di fattori, ma credo che il più importante sia il sistema economico. Nota che le riforme di Raul Castro si sono fermate intorno al 2016.

Per me, una delle cause fondamentali, che è stata consistente in tutta la Rivoluzione, è che Cuba non genera sufficienti esportazioni per pagare le importazioni. Quindi, si verifica un deficit commerciale di beni. Quel deficit deve essere pagato in qualche modo, e pagato con la dipendenza di un’altra nazione. Prima l’Unione Sovietica, poi il Venezuela. E questo rende insostenibile il sistema economico. Quando si perde il partner protettivo o il sovvenzionatore, arriva una crisi. C’è una crisi negli anni ’90 perché l’URSS scompare, e nel caso del Venezuela per la crisi umanitaria, economica, politica e sociale, e anche se non finisce l’aiuto da quel paese, oggi manda metà del petrolio che comandava prima.

Lei si riferiva alle riforme economiche sotto il mandato di Raul Castro. Alcune persone credono che negli ultimi tempi questa sia stata una delle nostre migliori tappe. Perché tornare indietro?

La mia opinione è che Raul non ha mai avuto il potere di Fidel. Fidel dominava tutti i settori, Raul doveva essere accomodante perché c’era un settore ortodosso che era contrario alla riforma. Allora Raul stava passando una riforma e quell’altro gruppo stava cercando di sabotarla. Credo che le sue misure fossero ben mirate, ma molto lente, cariche di ostacoli, tasse elevate, ispezioni. Dovevano essere più veloci e più profonde. Questo è più importante di quello che ha fatto Miguel Diaz-Canel, che non ha fatto altro che legalizzare le imprese private.

In merito all’apertura del settore privato che il governo ha avviato come iniezione per l’economia, ritiene che possano fare marcia indietro come è avvenuto per altre misure che coinvolgono la proprietà privata?

È vero quello che dici. Fidel, quando la crisi degli anni Novanta introdusse tutta una serie di riforme, tra cui l’apertura al complottismo, ma introdusse anche i mercati contadini, il dollaro, permise alle famiglie di inviare rimesse, sviluppò il turismo. Questo è ciò che fa sì che la caduta si fermi nel 1994 e inizi una ripresa che è parziale, perché non si arriva mai ai livelli del 1989. Fidel fa queste riforme con riluttanza, lui non è mai stato a favore di questo, lo ha fatto per salvare la situazione. Poi viene l’aiuto di Chavez e si annulla tutto, tranne il turismo, che continua perché è una forza importante che non influisce sul controllo dello Stato, poiché è fondamentalmente statale. Poi, con le riforme di Raul, accadde la stessa cosa. Le possibilità di fare marcia indietro esistono sempre nel caso di Cuba, salvo che la situazione sia molto disperata.

C’è molta polemica intorno alle PMI (piccole e medie imprese). Ad esempio, Aleida Guevara, figlia del Che, avverte del pericolo del settore privato. E da Miami, politici come Maria Elvira Salazar dicono che il settore privato è un mito. È valido parlare ancora una volta di un arrivo del capitalismo a Cuba?

Il partito comunista dice che il settore privato è il cavallo di Troia che usa l’imperialismo per cercare di distruggere la Rivoluzione. Il New York Times ha pubblicato un articolo in cui c’è un’esagerazione, e ti farò due o tre esempi. Dicono che ci sono 10.200 nuovi posti di lavoro nel settore privato dal 2021, quando le PMI hanno iniziato ad essere approvate, e dicono che nel 2023, tra il settore privato e il governo, c’era un’importazione di 1 miliardo di dollari ciascuna. Sono andato all’annuario statistico di Cuba, e ho guardato quali sono state le importazioni dell’anno precedente, 2022, ed erano di 2.170 milioni di dollari. Ciò che state citando per il 2023 è meno 8% dell’anno precedente. Non è un aumento, è una diminuzione delle importazioni. Non solo in termini di volume, di denaro, di importo, ma queste importazioni acquistano meno per il problema dell’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari. Questa è una distorsione della realtà. Quella cifra l’ha data il governo, ma il governo non dice che sia stata inferiore all’anno precedente.

Se confrontiamo il 2023 con il 2013, il calo è stato del 62%. Il valore delle esportazioni nel 2023 è quindi del 62% al di sotto del 2013. E, se lo paragoni al 1989, il calo è del 67%. Ciò significa che, nonostante le PMI, le importazioni si riducono non solo nell’importo, ma nel potere d’acquisto. Me lo stai dando come dimostrazione di qualcosa di successo, ma, secondo i dati, è il contrario. Dicono anche che il settore privato fornisce la metà dell’occupazione totale, non è vero. Usando i dati del 2023, è un terzo dell’occupazione totale.

C’è una fioritura delle piccole medie imprese nello stesso paese dove si protesta per fame. Sente che le classi sociali a Cuba sono sempre più marcate, quando ci è sempre stato detto che a Cuba non esistevano le classi?

Sicuramente. Hai due classi a Cuba: una che riceve rimesse, ma il 60%, secondo le cifre ufficiali, non riceve rimesse. C’è una popolazione che può comprare a prezzi sbalorditivi. Poi ci sono quelli che lavorano per lo Stato, per un salario meschino. Se qualcuno è coinvolto con le PMI o riceve denaro dall’estero, va bene, puoi comprare. Gli altri stanno morendo di fame. Quella società egualitaria è finita, ma il governo non ne parla.

Ci sono “conquiste della rivoluzione” di cui il governo ha sempre vantato: salute, istruzione, uguaglianza sociale…. Cosa è rimasto di quei simboli oggi?

Credo che lo sviluppo sociale di Cuba sia stato maggiore dello sviluppo economico, e questo è un problema in termini di finanziamento. Senza sussidi, non puoi funzionare. Gli indicatori degli anni ’90 collocavano Cuba ai primi posti in termini di uguaglianza, salute, pensioni, mai alloggio. La Cuba di oggi non ha nulla a che vedere con quella degli anni ’80, quella di oggi è una catastrofe. La Rivoluzione ha fatto passi per espandere l’istruzione, la salute, le pensioni, specialmente nel settore rurale, ma questo non ha più nulla a che fare con ciò che si vive oggi. Per me è una tragedia. Quando è morto Fidel Castro, la prima cosa che mi è venuta in mente è stata: che tristezza che quest’uomo che ha fatto queste cose e che avrebbe potuto farne molte altre se ne sia andato per un sistema che ha fallito in tutto il mondo e ha distrutto il paese. Perché qualsiasi cosa guardi, casa, salute, istruzione, è finita.

Nel mezzo della crisi attuale, il governo ha destituito il ministro dell’Economia, ha annunciato un pacchetto di cambiamenti economici per il nuovo anno a cui poi ha posto un freno… Quale sarebbe per lei la strada da percorrere per Cuba?

È più difficile adottare un modello svedese, democratico, del modello cinese-vietnamita di socialismo di mercato, perché non comporta alcun problema politico. Ho dedicato tre anni alla ricerca per realizzare il mio libro. Ciò che mi ha sorpreso è che, in materia di protezione sociale, Cina e Vietnam sono al di sopra di Cuba, due paesi che erano tra i più sottosviluppati del mondo. In Cina c’era carestia, milioni di persone morivano, e la Cina è quasi autosufficiente nel cibo. Il Vietnam non solo è autosufficiente, ma genera un netto per l’esportazione, è il secondo esportatore di riso nel mondo. Allora questo modello comporterebbe una riforma sostanziale. Se le riforme di Raul Castro non fossero state ostacolate e si fosse progredito più rapidamente, forse si sarebbe arrivati a questo.

Perché pensi che il governo non abbia percorso quella strada?

Il settore ortodosso a Cuba è molto potente, e c’è il Gruppo di Amministrazione Aziendale, SA (Gaesa), che non vuole rompere il suo monopolio. Se cambi il piano e ne metti uno decentralizzato, e le decisioni non vengono prese dall’alto, ma vengono prese dagli imprenditori, dal settore privato, e c’è un ruolo importante del mercato, la delega del potere economico implica una certa delega del potere politico. C’è paura in quel gruppo che, se si cominciano a fare riforme, la classica palla di neve è inarrestabile. Non posso provarlo, ma è l’unica spiegazione ragionevole che riesco a trovare.

Clicca qui per leggere l’intervista originale, in spagnolo, su El Pais di Madrid

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.